Rossana Maseroli Bertolotti, Renzo Barazzoni, Alfredo Gianolio

Il talento delle artiste reggiane dal Rinascimento al Duemila

Il talento delle artiste reggiane dal Rinascimento al Duemila

Il seme del progetto di fare una ricognizione sulle donne artiste della nostra terra viene piantato più di vent’anni fa, nella seconda metà degli anni Novanta, in una cena cui partecipano, tra gli altri, i tre autori (Rossana Maseroli Bertolotti, Renzo Barazzoni, Alfredo Gianolio), Sergio Masini e Ugo Bellocchi, attorno alla tavola imbandita nella casa di Nadia Rosati, che negli anni, e fino all’ultima fase, avrebbe svolto il ruolo di segretaria di redazione, di paziente vigilatrice per preservare una tela che talvolta s’andava sfrangiando o addirittura lacerando. È Gianolio, subito sostenuto da Masini, a gettare sul tavolo l’idea dell’opportunità di scrivere sulle donne artiste nella secolare storia di Reggio Emilia. Presto si delinea il drappello che affronterà la temeraria missione: Rossana Maseroli, abituata a frequentare l’Archivio di Stato, s’occuperà delle artiste dei secoli lontaniRenzo Barazzoni s’immergerà in quelle dell’OttocentoAlfredo Gianolio s’inoltrerà nel bosco delle artiste contemporanee. Ciascuno dei tre comincia a lavorare, con i propri tempi, dettati dagli impegni professionali e familiari; intanto ci si continua a incontrare in pranzi e cene in case private, alle Feste dei partiti della sinistra, e in incursioni a Guastalla, da Arnaldo Bartoli. Del gruppo di questi particolari clerici vagantes fanno stabilmente parte, oltre alle persone già citate, Ulisse Giglioli, Athos Porta, Alessandro Carri. Renzo Barazzoni è forse il più solerte nell’affrontare il compito affidatogli; Rossana Maseroli e Alfredo Gianolio iniziano a scrivere, e poi s’arrestano, per quattro o cinque anni. È Nadia Rosati a sollecitare i tre affinché riprendano il lavoro interrotto, ora che prossima appare la meta. Anche Gianolio torna a immergersi nelle schede che aveva abbandonato, fino ad allora affidate a una cartella piena di fogli, che viene “messa in bella” da Maseroli e da Rosati. Gianolio dedica l’ultimo anno della sua vita — scomparirà nel 2018 — a completare furiosamente la stesura dei commenti sulle artiste contemporanee: ogni sabato mattina, per più di un anno, Rossana e Nadia si recano a casa sua, per coordinare quel che resta da svolgere e farsi consegnare i frutti del lavoro della settimana. La scheda finale viene consegnata a Rossana e Nadia da Alfredo l’ultimo sabato mattina in cui i tre s’incontrano: lui morirà il mercoledì successivo, 12 febbraio 2018 — i suoi amici Renzo Barazzoni e Sergio Masini se ne erano andati quattro anni prima, nel 2014.

Specifiche

  • Genere: Saggistica
  • Collana: Le isole
  • Formato: 17x24cm cartonato
  • Pagine: 424
  • ISBN: 9788832116557
  • Anno pubblicazione: 2022
  • Prezzo copertina:: 40
  • Esiste la versione ebook?: no

Link per l'acquisto del libro dall'editore

Link alla casa editrice

Associazione Editori Emilia-Romagna © 2022
Via Piave 60, 41121 - Modena - Italy
Codice fiscale: 94146500361

Telefono: 351 886 28 90
Email: info@editoriemiliaromagna.it

Privacy: questo sito non raccoglie e non tratta dati di nessun tipo.
Cookies: utilizziamo solo cookies necessari al funzionamento del sito. Non usiamo altri cookies di nessun tipo (analisi traffico, marketing, profilazione o altro).